Trento, abbattuta l'orsa KJ2: aveva ferito escursionista

Regolare Commento Stampare

Non è riuscita a sopravvivere l'orsa KJ2 che nella serata di ieri è stata uccisa dagli agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento in attuazione dell'ordinanza emessa dal presidente della Provincia per garantire la sicurezza delle persone. La notizia è stata resa nota dalla stessa Provincia autonoma di Trento. Il Trentino, infatti, cercava ufficialmente l' orsa che il 22 luglio scorso aveva ferito un uomo che passeggiava con il suo cane in un bosco in zona laghi di Lamar. Attualmente in provincia di Trento ci sono circa 50 orsi. L'ordinanza emanata aveva anche disposto la soppressione di KJ2 "nel più breve tempo possibile".

L'ordinanza, questa la posizione della Lav, "si basa sull'affermazione che 'un esemplare di orso bruno ha attaccato, senza essere provocato, una persona causandone il ferimento'".

"Un'affermazione - sostengono gli animalisti - che oggi possiamo definire del tutto apodittica, formulata, come già accaduto in passato in occasioni simili, sull'onda emotiva di quanto successo, senza alcun approfondimento né istruttoria che potesse chiarire i termini della vicenda". "Nulla a che vedere con l'ipotesi di uccisione o cattura perseguite dalla Provincia".