Accordo necessario/ L'alleanza Usa-Cina per sbloccare la Nord Corea

Regolare Commento Stampare

Lavrov ha dichiarato inoltre: "La Russia e la Cina hanno sviluppato un piano molto intelligente che propone un "doppio congelamento": Kim Jong-un dovrebbe bloccare i test nucleari e smettere di lanciare qualsiasi tipo di missile balistico, mentre gli Stati Uniti e la Corea del Sud dovrebbero interrompere le esercitazioni su larga scala che vengono usate come pretesto di una probabile controffensiva".

Questo è solo l'ultimo epilogo di una serie di minacce al vetriolo tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti in vista dell'ultimatum di Ferragosto. "Vi spazzeremo via - si legge nel testo diffuso dai media Usa - vi cancelleremo dalla faccia della terra".

Secondo il Ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, il rischio di uno scontro bellico tra Stati Uniti e Corea del Nord è concreto: "Ritengo che i rischi di un confronto militare siano molto alti, soprattutto tenendo conto di questa retorica, sono state fatte minacce dirette di uso della forza".

Donald Trump pronto ad un intervento militare in Venezuela

I commenti del quotidiano - molto influente in Cina ma non rappresentativo della politica del governo - arrivano dopo che il presidente Usa Donald Trump ha rafforzato la sua retorica contro la Corea del Nord dicendo di non essere stato abbastanza duro con la sua precendente minaccia di scatenare "fuoco e furia" su Pyongyang in caso di attacco nordcoreano.

Alla domanda se gli Stati Uniti siano pronti ad un atto ostile della Corea del Nord Mattis ha risposto: "Siamo pronti". Una risposta a tono arriva dallo stesso tycoon, il quale lancia un nuovo altolà invitando il leader Kim Jong Un a stare attento a non agire incautamente, perché le misure militari Usa sono allestite e pronte a colpire, e augurandosi che Kim trovi un' altra strada. Ma comunque per ora "le forze di difesa aerea di deterrenza nucleare consentono di trattenere gli americani da passi più decisi (sulla Corea del Nord)" ha detto Ozerov.

Anche il Giappone si sta preparando al peggio, schierando e rendendo operativi i propri missili intercettatori. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.