Siria, la Russia avvisa gli Usa: "Abbatteremo tutti i caccia della coalizione"

Regolare Commento Stampare

L'abbattimento di un caccia militare siriano da parte delle forze Usa, ieri in Siria, è una "flagrante aggressione che mostra inequivocabilmente la reale posizione degli Stati Uniti in sostegno al terrorismo" che "mina la capacità" delle forze di Damasco di combattere l'estremismo in tutto il Paese.

Un provvedimento molto pericoloso, visto che proprio l'intesa nei cieli siriani e la linea di comunicazione aperta tra Washington e Mosca ha permesso, fino ad oggi, di scongiurare una guerra tra le due superpotenze nei territori governati da Assad.

Sempre domenica, in un episodio distinto, le Guardie rivoluzionarie iraniane hanno lanciato missili terra-terra a medio raggio dall'Iran occidentale che hanno preso di mira "i quartier generali, luoghi di incontro e di assembramento di attentatori suicidi dei terroristi dell'Isis", nei pressi di Deir ez Zour. Anche per questo motivo, il Ministero della Difesa russo ha annunciato che oggi "termina la cooperazione con la parte americana nel quadro del memorandum per la prevenzione degli incidenti e per la garanzia della sicurezza dei voli nel corso dell'operazione in Siria".

"Qualsiasi velivolo, inclusi gli aerei e i droni della coalizione internazionale, individuato dalle forze russe nella zona delle operazione a ovest del fiume Eufrate sarà considerato come obiettivo delle forze di difesa a terra e aeree". Di questo ed altro, nell'ambito di rapporti quantomai problematici tra Washington e Mosca, si dovrebbe discutere il prossimo 23 giugno a San Pietroburgo.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ovviamente protestato con estrema durezza nei confronti del comando USA. L'agenzia Interfax ha infatti reso noto che, alla data citata, il vice ministro degli esteri del Cremlino, Sergej Ryabkov, incontrerà il sottosegretario americano Thomas Shannon. "L'abbattimento di un jet dell'aviazione siriana nello spazio aereo siriano è una violazione cinica della sovranità della repubblica araba siriana".

Terza Guerra Mondiale: sempre più caotica la situazione in Siria, con gli Usa che hanno abbattuto un aereo di Damasco che stava bombardando le milizie arabo-curde alleate degli americani.