Scuole e strade insicure saranno chiuse. Ultimatum delle Province senza soldi

Regolare Commento Stampare

Unione Province Italiane sul piede di guerra.

"I servizi che non possono più essere svolti saranno chiusi, perché le strade mettono a rischio gli automobilisti o le scuole non sono sicure". E oggi, aprendo un seminario sullo stato delle finanze di questi enti, il presidente dell'Upi (Unione Province Italiane) Achille Variati, rivolgendosi al governo Gentiloni ha parlato chiaro.

'Dal 2013 al 2016 'le entrate delle Province sono scese del -43%, e la spesa complessiva si e' quasi dimezzata, arrivando a -47%'. 119 della Costituzione, i servizi locali. La nostra capacità di investimento è crollata del 62% e il patrimonio pubblico che gestiamo, 130 mila chilometri di strade e tutte le 5.100 scuole superiori italiane, si sta deteriorando in maniera pericolosa.

L'allarme delle Province sembra essere supportato anche dai numeri che sono stati resi noti.

"Non vogliamo abituarci a navigare fra le macerie" ha concluso il presidente dell'Upi.