Rudiger: "Razzismo in Italia, nessuno fa niente"

Regolare Commento Stampare

Ma l'unico romanista che ad oggi ha davvero qualche possibilità di sbarcare alla Pinetina nella prossima sessione di calciomercato è Antonio Rudiger. I nerazzurri non vorrebbero spendere più di 30 milioni mentre i capitolini ne chiedono 40. Pur sapendo di essere al centro di numerose voci, l'ex Stoccarda ha dribblato le domande sul futuro: "Mercato?" Quello della lotta alle discriminazioni è un tema molto caldo anche in Serie A purtroppo, soprattutto dopo il caso Muntari con il ghanese che nel finale di stagione ha abbandonato il campo in Cagliari-Pescara per i presunti insulti dei tifosi avversari. In particolare, i club di Milano potrebbero diventare più forti.

Oltre all'Inter, Rudiger ha diversi estimatori all'estero, specie nella Premier League inglese. La cosa per me è assolutamente incomprensibile. "L'arbitro dovrebbe dire allo speaker dello dello stadio di avvertire il pubblico quando accadono episodi simili". Se non cambiasse nulla, si dovrebbe interrompere la partita. In giro si leggono tante pubblicità che recitano 'no al razzismo', ma in Italia niente è realmente cambiato. "Con tutto il rispetto, è facile parlare per le persone che non hanno il nostro colore della pelle, facile dire che dovremmo rimanere calmi". Loro non sapranno mai come ci si sente.