Raggi si dà il voto come sindaca: 7 e 1/2

Regolare Commento Stampare

Un sondaggio di Repubblica Roma, realizzato dalla società IZI secondo il metodo CATI-CAWI e su un totale di 1036 intervistati rivela un gradimento in calo per la sindaca da settembre 2016 a giugno 2017, con quasi sette romani su dieci che ne bocciano l'operato; significativo è il balzo di giudizi negativi da novembre 2016 a marzo 2017 (Raffaele Marra è stato arrestato il 16 dicembre, evidentemente il campione del sondaggio non crede alla storia dell'uno dei tanti dipendenti capitolini che passava lì per caso). Vi scrivo a un anno dall'inizio del mandato per rafforzare quel filo diretto che è la base da cui siamo partiti per cambiare in meglio la nostra città.

"Ci stiamo mettendo alle spalle Mafia Capitale e le trappole che ha lasciato per disegnare una città moderna". "Abbiamo in campo moltissimi progetti, stiamo piano piano cambiando tutto il sistema. Li conoscevamo e li stiamo affrontando con un'azione di programmazione di medio e lungo periodo". "C'è chi dice che l'onestà non basta". Gli ostacoli e le sorprese non mancano.

"Quest'anno abbiamo posto le basi per questa rivoluzione - prosegue Raggi -E si vedono i primi segnali di un cambio di rotta, nonostante le resistenze di chi si oppone al cambiamento e di coloro che, dopo essere stati causa di molti dei problemi degli ultimi 20 anni, propongono di rimanere immobili".

Sempre in tema di cultura e patrimonio artistico della Capitale, la Prima Cittadina ha annunciato che l'Amministrazione a Cinque Stelle ha deciso di valorizzare il Giardino dei Giusti, "luogo di memoria, incontro e dialogo per ricordare i Giusti, le persone che in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana e contrastare ogni forma di pregiudizio, anche a rischio della propria vita". Non solo. Questa possibilità di riscatto "dobbiamo darla a Roma perché la merita". "Abbiamo riavviato i bandi - ha aggiunto -". I nostri figli la meritano - sottolinea Raggi -. Nei nostri cuori la speranza e nelle nostre mani la possibilità di costruirlo. Ringrazio già da ora tutti i romani di ogni provenienza, passione politica. "Io e la mia squadra, assessori e consiglieri, continueremo questo compito con il massimo impegno perché fare qualcosa per la propria città e per la propria comunità è un onore", conclude.