Perugia, due ragazzi in fin di vita a causa del botulino

Regolare Commento Stampare

Due studenti fuori sede iscritti all'Università di Perugia sono in gravi condizioni, dopo aver mangiato del cibo conservato male, probabilmente delle conserve, forse fatte in casa.

I due ragazzi colpiti da intossicazione da botulino, uno originario di Lecce e l'altro di Viterbo, vivono in un appartamento nel quartiere di Monteluce a Perugia e, secondo quanto emerge, avrebbero consumato dei cibi inviati da una delle due famiglie e, viste le conseguenze, malconservati. E' accaduto però qualcosa di inaspettato. Le condizioni sono tutt'ora gravissime, sembrerebbe che uno dei due abbiamo avuto anche un arresto cardiaco. Quando sono arrivati arrivati al pronto soccorso entrambi lamentavano sintomi quali nausea, vertigini molto forti, dolori lancinanti, amnesia. Fin dal loro arrivo in Pronto Soccorso nella notte tra sabato e domenica, in presenza di un quadro clinico severo, una nota dell'ufficio stampa riferisce che i sanitari hanno iniziato le necessarie terapie, impegnati anche a conoscere le cause della intossicazione alimentare.I test eseguiti hanno dato esito positivo riguardo ad una intossicazione da botulino. Il sottovuoto malriuscito sarebbe la causa della formazione del batterio.