Gibellina partecipa alla Giornata Nazionale dei Piccoli Musei

Regolare Commento Stampare

Domenica 18 giugno, a partire dalle ore 10.00, anche il Museo Civico Principe Guglielmo Romanazzi Carducci di Santo Mauro di Putignano aderirà alla Prima Giornata Nazionale dei piccoli musei, organizzata dall'Associazione Piccoli Musei (APM) in collaborazione con Invasioni Digitali.

Hanno aderito alla manifestazione anche 8 piccole realtà museali del Trentino: il MApe di Croviana, il Museo della Dona di sti' ani di Calavino, la Casa Museo dell'Acqua di Fondo, il Museo delle Api di Folgaria, Museo Etnografico Tarcisio Trentin a Telve di Sopra, La stanza del Sacro loc. La giornata nazionale sarà caratterizzata non solo dalle porte aperte e l'ingresso gratuito, ma soprattutto per un piccolo dono di accoglienza in grado di esprimere la personalità e la cultura del museo, che vuole donare un poco di sé con un gesto che simbolizzi la propria accoglienza e identità. Una giornata interamente dedicata alle piccole realtà museali del nostro Paese, ai piccoli gioielli dell'arte e della tradizione rurale e artigianale che, da Nord a Sud, contribuiscono a mantenere vive le peculiarità culturali che caratterizzano ogni regione.

Gli obiettivi della giornata sono quelli di fare conoscere la importanza dei piccoli musei, il loro ruolo, e le loro specificità. I visitatori che verranno a trovarci il 18 giugno attraverseranno questi luoghi insieme a noi e agli studenti del Liceo Scientifico, che in questi mesi hanno seguito un percorso di alternanza scuola-lavoro e che per l'occasione guideranno la visita.

Il primo itinerario tra i piccoli musei propone i "Musei Sorridenti", musei che prestano una particolare cura ai visitatori.

Per chi fosse interessato a conoscere APM il sito di riferimento è www.piccolimusei.com, una vetrina in cui si possono scoprire i bellissimi e speciali piccoli musei accoglienti d'Italia che aderiscono all'Associazione. "Così pure non sottovaluterei l'invito che i piccoli musei fanno alle altre Istituzioni culturali di non gadgettizzare l'accoglienza e le esperienze di visita ai musei".