FINALE CHAMPIONS LEAGUE - Scintille nello spogliatoio della Juventus. Bonucci non voleva Barzagli

Regolare Commento Stampare

"Gli ultimi anni di Champions hanno detto che la vera antagonista del Real Madrid è proprio la Juventus".

Il difensore - vi si legge - avrebbe chiesto ad Allegri di sostituire Barzagli e passare così al 4-2-3-1 con Cuadrado in attacco e Dani Alves arretrato sulla linea di difesa.

Il quotidiano 'La Repubblica' rivela di una discussione che sarebbe avvenuta all'intervallo tra il tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, e Leonardo Bonucci. Risultato: si torna in campo, i bianconeri non tengono più un pallone e nel giro di tre minuti arrivano i due gol che affossano definitivamente le speranze di alzare quella maledetta Champions League. Piano piano stanno uscendo tutti i retroscena che spiegano sicuramente il perchè la Juve ha avuto un black-out totale nella ripresa. Intanto rimbomba l'eco delle tensioni che avrebbero segnato l'intervallo di Cardiff, dopo il quale la Juve è tornata in campo come stordita.

Per la cronaca Allegri poi farà il cambio "consigliato" da Bonucci ma solo al 21′ del secondo tempo e con la Juventus sotto 1-3. Bonucci è sempre stato ritenuto incedibile dalla società, ma la tribuna punitiva di Porto (quella sì accertata e confermata nelle motivazioni) ha scavato una sorta di distanza tra le parti; se davvero in Galles, e nella partita decisiva della stagione, fosse arrivato realmente un altro episodio di contrasto tra il difensore e il suo allenatore, la cessione di Bonucci diventerebbe anche di carattere "disciplinare", se non altro nel senso che i rapporti non sarebbero più gli stessi di un tempo.