"Congelato" il rimborso dei subordinati di Veneto Banca

Regolare Commento Stampare

In prima fila ci sono.

Il consiglio dei ministri ha infatti varato in serata un decreto come intervento "d'urgenza" per sospendere il pagamento dei rimborsi del bond subordinato decennale lower Tier II di Veneto Banca in scadenza il 21 giugno, emesso per un importo nominale di 150 milioni di euro ma con un outstanding di 86 milioni.

La mossa dell'esecutivo è propedeutica alla soluzione in corso di negoziato con le autorità europee.

Una sospensione del rimborso del bond Veneto Banca così strutturata non costituirebbe un evento di default perché non sarebbe una decisione della banca ma di un'autorità terza nell'ambito di un negoziato su aiuti di Stato, spiega la fonte.

Di contro un eventuale rimborso potrebbe creare problemi legali a carico al cda dell'istituto in vista di un possibile burden sharing che coinvolgerebbe gli altri subordinati.

Da Lussemburgo il ministro Padoan afferma: "Il governo sta facendo il possibile per assicurare i requisiti giuridici e normativi che facilitino una soluzione sulle banche venete".

Continua, intanto, la moral suasion sulle banche italiane per convincerle a impegnarsi nel salvataggio.

Una richiesta arrivata anche dagli altri soggetti che si sono detti possibilisti, da Poste a Unipol, passando per Mediobanca e Iccrea. Ma da Bruxelles la condizione sono 1,2 miliardi di capitali privati per dire sì alla ricapitalizzazione precauzionale, del valore di 6,4 miliardi di euro, non a caso si chiede aiuto al mondo della Finanza, tanto che si vocifera che alcuni dirigenti hanno aperto alla possibilità di partecipare a un'azione concertata volta a dare a Popolare di Vicenza e Veneto Banca l'iniezione necessaria di capitali.

Se la vicenda si chiarirà, il management potrà avere un orizzonte più sereno davanti a sé per mettere a punto il nuovo piano industriale, che inevitabilmente dovrà comportare duri sacrifici sul fronte occupazionale. "Sono fiducioso su una soluzione positiva che sarà raggiunta a breve".

Prosegue la telenovela sul salvataggio delle banche venete.