'Blue Whale', indagata una 20enne milanese: e' il primo caso

Regolare Commento Stampare

La ventenne, stando all'indagine coordinata dal pm Cristian Barilli, avrebbe convinto una ragazzina di dodici anni - che vive tra Roma e il Nord Italia - a procurarsi alcuni tagli e ad inviarle le foto.

La prima persona indagata in Italia nell'ambito dei fascicoli aperti nelle ultime settimane dopo le denunce e le segnalazioni sul fenomeno Blue Whale è una ragazza milanese di 20 anni.

Quello della 20enne milanese, tra questi, è l'unico in cui è stata individuato il tutor.

Dopo il recente sequestro del notebook e del telefono dell'indagata e l'acquisizione del cellulare della vittima, nei prossimi giorni si terra' un accertamento irripetibile per stabilire il tipo di messaggi inviati e se davvero siano stati spediti dall'indagata.