Abusivismo, gli demoliscono la casa: muore

Regolare Commento Stampare

Una tragedia psicologica ed emotiva che ha portato l'uomo, che aveva subito un trapianto di un rene e che viveva solo con il sussidio statale, a pagare unno stress probabilmente eccessivo per la sua situazione. Appena sono cominciate le operazioni di recinzione del cantiere, l'uomo ha avuto un malore che gli è stato fatale. Salvatore Garofalo muore d'infarto mentre gli demoliscono la casa Campolongo. L'abuso edilizio che ha portato agli abbattimenti gli era stato contestato dal 1998. In zona ci sono 12 case abusive. "Il M5S ha negato un rapido esame del provvedimento attraverso la sede deliberante con evidenti scopi ostruzionistici, nonostante il testo abbia già avuto il via libera dai due rami del Parlamento". "Non posso accettare che nonostante il duro lavoro di anni nell'interesse di persone in difficoltà la gente inizi a morire a causa del mero calcolo parlamentare di qualche gruppo che fa dell'essere contro sempre e comunque la propria unica bandiera". "Al momento - sottolinea ancora il legale - prima di vedere se la struttura verrà effettivamente abbattuta, è da attendere la concessione in sanatoria da parte del Comune di Eboli che verrà valutata, la Camera di Consiglio della Corte di Appello con l'incidente di esecuzione e poi l'eventuale approvazione del ddl Falanga. Annuncio pertanto le mie dimissioni da Senatore della Repubblica, che consegnerò martedì 20 giugno al presidente Grasso". Infine gli immobili sottratti alla mafia.

C'è stata polemica intorno al suo disegno di legge che, nelle sue previsioni, doveva essere approvato entro l'estate e che ora è bloccato dalle resistenze del Movimento 5 Stelle, in un primo momento favorevole al provvedimento. Ma più che di case, parliamo di manufatti.