Quartiere Adriano fuori dal Bando Periferie, ma i lavori si faranno

Regolare Commento Stampare

E' polemica sui fondi per gli interventi di riqualificazione delle periferie, dopo la pubblicazione della graduatoria da parte del governo. Nel documento, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 5 gennaio, si legge che i primi 24 progetti vengono finanziati con i 500 milioni di euro già previsti dalla Legge di Stabilità 2016 (approvata il 28 dicembre 2015), mentre i restanti "con le risorse che saranno successivamente disponibili".

L'attacco del centrodestra è scattato immediatamente: "Una bocciatura per il Comune di Milano, che stona pesantemente con gli annunci di questi mesi del sindaco e della giunta - sottolinea la consigliera di Forza Italia Silvia Sardone - che arriva da un governo che è dello stesso colore politico della maggioranza". Il progetto milanese era finalizzato alla realizzazione della scuola media del quartiere Adriano ed al prolungamento della metrotranvia nella stessa parte della città. Che fine faranno i piani per le periferie? "La giunta ha un piano B in particolare per il quartiere Adriano colpito da immobilismo comunale, grave degrado e insicurezza?". "Tutti i progetti presentati sono stati finanziati, alcuni prioritariamente e altri con tempi successivi".

Tra i progetti che, invece, hanno ottenuto finanziamenti immediati c'è quello sulla Città Metropolitana: 40 milioni verranno destinati ad interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana coinvolgendo circa 30 comuni. Così Mirko Mazzali delegato del Sindaco alle periferie risponde alla consigliera Fi sui progetti del bando periferie.