Palermo: Corini in bilico, De Zerbi dice no a Zamparini

Regolare Commento Stampare

Situazione che avrebbe spinto il numero uno friulano a valutare l'ipotesi di un licenziamento di Eugenio Corini, a cui potrebbero non bastare i quattro punti ottenuti in cinque partite, soprattutto alla luce delle mancate vittorie contro due dirette rivali come Pescara ed Empoli. Ma la palla adesso passa a Maurizio Zamparini che invece continua a riflettere e a pensare all'esonero di Corini. Ciononostante non ritiene certo l'ex capitano rosanero il suo tecnico ideale in prospettiva futura, indipendentemente dalla categoria di militanza.

LA STORIA SI RIPETE - Il mercato di gennaio non porta mai buon umore tra Zamparini e i propri allenatori: nella stagione 2010/2011, durante la quale il Palermo conquista la finale di Coppa Italia (persa contro l'Inter) e un posto in Europa League ai danni della Juventus, le richieste avanzate dall'allora allenatore Delio Rossi non erano state prese bene dal patròn. Corini dovrebbe guidare la seduta di allenamento pomeridiana, il resto è un'incognita. Al momento quindi il Palermo va avanti con Corini, anche se l'allenatore è ufficialmente sfiduciato.

Zamparini incontrerà domattina Roberto De Zerbi e valuterà il ritorno del mister bresciano che è ancora sotto contratto con il club di viale del Fante. Questa volta, però, non tutto è andato secondo i piani del presidente del Palermo che, come racconta il Giornale di Sicilia, ha incassato il no di De Zerbi. De Zerbi sarebbe già stato contattato per ritornare in panchina, lasciata a dicembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia e il record negativo di 7 sconfitte di fila casalinghe.