Niscemi, sindaco chiede al governo regionale lo stato di calamità per l'agricoltura

Regolare Commento Stampare

La Puglia continua ad essere stretta nella morsa di neve e gelo. Raccolti compromessi, aziende isolate, animali e stalle in difficoltà.

Per questo, in attesa di interventi dagli Enti Regionali, gli agricoltori si danno appuntamento per il prossimo sabato al Motel SanMarco sulla strada SS 175 fra Matera e Metaponto. La richiesta è rivolta direttamente all'amministrazione comunale, che dovrebbe farsi parte attiva presso la Regione Puglia affinché sia proposto al Ministero delle Politiche agricole il riconoscimento dello stato di calamità e il risarcimento dei danni da esso procurato alle coltivazioni. Lo stato di calamità - informa una nota dell'ufficio stampa della Giunta -, a detta del Presidente, si rende necessario a seguito degli avversi eventi meteorologici che hanno colpito la Calabria negli ultimi giorni.

Così CIA Puglia fa la conta dei danni possibili e chiede lo stato di calamità, prima ancora di una puntuale valutazione di tutti i danni, di cui è prematura la stima. Le temperature rigide, tra l'altro, anche durante le ore diurne, hanno provocato disagi al settore zootecnico e ad alcuni prodotti depositati nei magazzini (ad esempio le patate IGP della Sila) pronti per la vendita che, però, avendo subito dei congelamenti, non sono più commercializzabili.