Beni archeologici, nasce Parco Colosseo

Regolare Commento Stampare

Lo ha annunciato il ministro della cultura Dario Franceschini, che ha evidenziato il buon risultato della sua riforma.

"Un riassetto che con la creazione dei musei autonomi ha portato a molti miglioramenti sia in termini di quantità dei visitatori che di qualità dei servizi".

Una crescita generale nella quale il Sud sta giocando un ruolo importante, con la Campania anche nel 2016 stabilmente al secondo posto nella classifica delle regioni con maggior numero di visitatori, dopo l'irraggiungibile Lazio. Un decreto del ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini, infatti, trasforma in museo autonomo con tanto di direttore manager anche l'Anfiteatro Flavio, che diventerà un Parco Archeologico insieme con Palatino, Fori e Domus Aurea, ed il Colosseo. "E' un percorso lento, che nel Paese andrà a velocità differenziate, ma che sta portando frutti". Altra novità inserita nel decreto è la riorganizzazione della Soprintendenza speciale dell'Area archeologica centrale, che cambierà nome in Soprintendenza speciale archeologia, belle arti e paesaggio di Roma e incorporerà la Soprintendenza ordinaria esistente.

Il direttore sarà individuato con una procedura di selezione pubblica internazionale, mentre le risorse provenienti dalla bigliettazione del parco contribuiranno per il 30% alla tutela di tutto il patrimonio culturale di Roma e per il 20% al sostegno dell'intero sistema museale nazionale. Domani sarà firmato il decreto ministeriale che ridisegna la sua ge. Pompei è tornata autonoma da Napoli nel 2014 e da qualche mese si è "separata" anche da Ercolano, un altro dei parchi archeologici istituiti di recente dal ministro. Qui però, alcuni cambiamenti - ricorda Franceschini - erano già stati fatti in precedenza, separando dalla gestione degli Scavi quella dei 23 Comuni limitrofi. Ciò che accade a Pompei oggi è ciò che già è avvenuto per Paestum ed Ostia Antica. "Siamo pronti ad andare avanti su quella strada".