Pier Silvio Berlusconi congeda il Milan

Regolare Commento Stampare

Non lo so. Io non lo farei, ma perché? Così Pier Silvio Berlusconi, a margine dell'anteprima della fiction di Canale 5 dedicata alla vita del Pontefice, "Francesco, il Papa della gente", in onda il 7 e 8 dicembre.

Il figlio del patron svela anche nuove indicazioni sul futuro del padre: "Se resta?"

Pier Silvio Berlusconi conferma la data del closing in casa Milan: "Credo proprio che il 13 dicembre sarà un giorno cruciale". Eppure, gli è stato fatto notare, suopadre sembra augurarsi di tenere il Milan. "Da tifoso ringrazio mio padre perché ci ha fatto passare anni bellissimi".

Il Cavaliere non avrebbe mai voluto vendere il Milan ("Perché è una vicenda di cuore", sottolinea Pier Silvio), ma le circostanze lo hanno spinto verso questa direzione: "Ha deciso così ed è giusto così", afferma l'amministratore delegato di Mediaset.

L'ad Mediaset spiega anche quali sono i motivi della decisione del padre: "Dopo tanti anni è giusto così. Anzi, io lo vivo come un atto di coraggio e di amore nei confronti dello stesso Milan".

"Spero e penso che il Milan avrà la possibilità di competere con importanti investimenti, purtroppo la situazione del calcio italiano non è semplice". Siamo in ritardo, tutto il mondo del calcio è cambiato troppo, è un mondo di follia, si spendono soldi folli. "Certo fa un po' strano vedere l'ingresso di investitori stranieri".