Riforma Pensioni: risparmi per fasce di reddito

Regolare Commento Stampare

Un miliardo di euro in più ai pensionati, benefici alle imprese e alle famiglie grazie all'incremento della quattordicesima, alle detrazioni Irpef sui percettori di reddito e alla no tax area: questo è quanto emerge dalle recenti stime dell'Istat sulla manovra di Bilancio del Governo presentate dal presidente Giorgio Alleva in un'audizione alla Camera dei Deputati davanti alle Commissioni riunite "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera e "Programmazione economica, bilancio" del Senato.

La metà della spesa destinata agli 80 euro viene erogata a famiglie con redditi medi e medio-alti, mentre solo un terzo ha beneficiato i nuclei più poveri. L'Istituto di statistica fa notare che "nonostante l'assegno per il nucleo familiare concesso dai comuni alle famiglie con tre o più figli minori venga erogato a oltre 234 mila beneficiari, il 18,3% delle famiglie di questa tipologia (143 mila) continua ad essere in povertà assoluta, per un totale di quasi 183 mila minori".

Confrontando l'Italia con alcuni paesi europei, si osserva che il nostro Paese spende sistematicamente meno per la protezione sociale dei gruppi di popolazione deboli (persone con disabilità, famiglia e infanzia, esclusione sociale, abitazione). Secondo Alleva, nel 2015 "la quota di spesa pubblica destinata all'assistenza in Italia rappresenta circa il 10% (10,1%) del totale delle spesa in prestazioni di protezione sociale", ma "al netto del bonus 80 euro, l'incidenza della spesa pubblica assistenziale sarebbe dell'8,2%".

L'aumento della no tax area fino a 8mila euro (lo stesso livello previsto per i lavoratori dipendenti) anche per i pensionati con meno di 75 anni riguarda 5,8 milioni di persone e il beneficio medio è pari a 38 euro.

Questo significa che le risorse economiche a sostegno delle famiglie più deboli oltre ad essere esigue sono anche distribuite male. Richiesta ribadita ieri dall'Unione nazionale consumatori: "Si dovrebbero commisurare tutti i bonus elargiti in base al reddito Isee, dal bonus di 80 euro alla quattordicesima, dal bonus bebè a quello per gli asili nido".