Calcio, Ventura vara la nuova Italia. Pellè e Balotelli: "Vedremo in futuro"

Regolare Commento Stampare

"Quando tornerà in azzurro Balotelli?Avrò presto un colloquio con lui per capire se ha voglia diessere protagonista dentro il gruppo, noi siamo aperti a tutti".Giampiero Ventura ribadisce la sua disponibilità nei confrontidell'attaccante del Nizza, anche se il suo eventuale ritorno inNazionale continua a slittare. L'attaccante ha fatto 7 gol in 9 partite ma, spiega il tecnico, non è l'aspetto tecnico che si discute: "Se Mario non è in Nazionale non è per motivi tecnici, qualitativamente è un giocatore importante, ma se chiunque parla di lui mette in discussione mille altre sfaccettature, è evidente che debba farsi delle domande". Ora ha ripreso da due mesi, però sono pochi per cambiare la storia di una persona. "Per quanto riguarda la convocazione di Zaza vale lo stesso discorso di Gabbiadini: sono due giocatori che non stanno attraversando un momento straordinario ma sono un capitale della maglia azzurra e, questa volta, la nazionale serve per vedere di ridargli la possibilità di tornare ad essere i giocatori che sono".

Ventura con Ciro Immobile
Ventura con Ciro Immobile

Sui giovani "dico quello che ho detto da tempo, cioè che l'Italia dell'Europeo ci ha lasciato una delle Nazionali più vecchie degli ultimi 50 anni". Ma il ct dell'Italia non vuole commettere l'errore di accelerare questo processo di ringiovanimento della rosa, che vedrà chiamare nei prossimi mesi anche altri talenti in grande crescita nel mediocre campionato italiano. La Germania non la migliore da affrontare per far giocare i giovani, in Italia funziona così, giovane sbaglia o incontra difficoltà e allora rischia di pagare pegno per i mesi successivi. "L'unica che dà continuità ai risultati è la Juve". "Sono sincero - ammette Ventura - avrei preferito un'amichevole di spessore diverso, bisogna mettere in condizione i giovani di andarsi a confrontare ma piano piano".